Stamani Matteo Salvini si è nuovamente recato a Firenze, dimostrando ancora una volta il grande interesse per i problemi di sicurezza che affliggono la città. Verso le 10:45, il Ministro si è presentato in Palazzo Medici Riccardi, mentre era in corso la riunione dei Prefetti e delle forze dell’ordine della Toscana per la conferenza regionale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.
Parlando con i giornalisti Salvini ha ribadito il suo appoggio alle cosiddette «zone rosse», ovvero il provvedimento adottato dal Prefetto di Firenze, Laura Lega, che è stato recentemente bocciato dal TAR a seguito di un ricorso presentato dall’Aduc.
Salvini, annunciando che è allo studio un nuovo provvedimento, ha dichiarato:

«Chi contesta le zone rosse, e penso anche ad alcuni ambienti limitati della magistratura, dovrebbe parlare con le mamme che ci vengono a chiedere in tutta Italia di allontanare gli spacciatori dai parchi, dai giardinetti e dalle scuole». «E’ veramente assurdo che ci sia qualcuno che ritiene che sia una privazione della democrazia e della libertà allontanare i denunciati, i pluridenunciati per spaccio di droga da alcune zone di Firenze. Penso alle Cascine, alla Fortezza, ad alcune zone del centro storico».

Non solo. Ieri, mentre si trovava a Prato per sostenere Daniele Spada al ballottaggio contro Matteo Biffoni, Salvini aveva già fatto un altro importante annuncio in materia di sicurezza. Si tratta dell’arrivo di 82 nuovi agenti a Firenze, che entreranno in servizio il prossimo primo luglio, mentre a regime il numero di nuovi agenti ammonterà ad alcune centinaia.

Da un lato c’è chi polemizza, come il Sindaco Nardella, dall’altro c’è chi concretamente opera per rendere più sicura Firenze, ovvero il Ministro Salvini.

Antonio Montelatici©2019. All Rights Reserved.